Santuario di Nostra Signora della Rosa a Santa Margherita Ligure

Il santuario di Nostra Signora della Rosa è a Santa Margherita Ligure in piazza Caprera.

Video Santuario Nostra Signora della Rosa

Santa Margherita d’Antiochia è patrona della città e ricorre il 20 luglio, quando ha luogo una processione nel centro storico di Santa Margherita Ligure e da uno spettacolo pirotecnico nella passeggiata a mare.

La storia

La chiesa risale che vediamo oggi risale al 1658 e fu eretta dove sorgeva un edificio di culto risalente al XIII secolo.
La parrocchia fu costituita nel 1646 dal cardinale Stefano Durazzo, venti anni dopo eletta ad arcipretura e plebania e consacrata il 23 settembre del 1770 come testimonia la lapide di marmo sopra il portale maggiore.
Più recentemente, il 26 gennaio del 1951 è stata intitolata a basilica con breve apostolico di papa Pio XII.

Il culto nei riguardi di Nostra Signora della Rosa prende vita nel medioevo quando alcuni naviganti fecero arrivare nel borgo l’immagine della Madonna.
Il gruppo ligneo raffigura la Vergine Maria con il Bambino Gesù sul braccio sinistro e nella mano destra una rosa.
Un documento databile al 1311 conferma il potente sentimento degli abitanti locali verso tale effigie già in tempi più remoti.
La sacra immagine venne in un primo momento ubicata su un altare laterale e il 25 febbraio 1756 in un tabernacolo di marmo sopra l’altare maggiore dov’è puoi vederla ancora oggi.

Architettura

La chiesa è stata edificata in stile barocco da un progetto dell’architetto Giovanni Battista Ghiso.
Si presenta con pianta a croce latina, suddiviso su tre navate da colonne e dominato da cupola.
La facciata fu rivolta a est, mutanto l’orientamento nativo della chiesa, della quale fu comunque mantenuto il campanile in pietra.

Nel 1750, su progetto di Carlo Orsolino, venne costruito il nuovo campanile appoggiato alll’angolo destro della facciata, mentre il vecchio campanile in pietra fu smantellato nel 1786.

Secondo quanto narra un’antica leggenda, nella la demolizione nel 1672 attuata per ampliare la chiesa, fu rinvenuta sotto all’altare maggiore-cupola una grande vasca piena di acqua profumata di rose.
Da quel momento gli abitanti di Santa Margherita gli conferirono poteri miracolosi che sono sopravissuti fino ai giorni nostri, infatti vengono accordati alla Madonna della Rosa poteri di guarigione di bambini. Nella tradizionale festa annuale che si svolge la domenica che procede l’Ascensione di Gesù vengono benedette le rose portate dagli abitanti.
Il secondo campanile sul lato sinistro della facciata fu eretto nel 1920 e il piazzale in ciottoli bianchi e neri nel 1975 con la particolare tecnica ligure del risseu.

Le opere conservate nel Santuario

I dipinti:

  • Il Matrimonio mistico di santa Caterina d’Alessandria di Valerio Castello sull’altare di santa Caterina d’Alessandria.
  • I santi Domenico, Pietro martire, Brigida e Nicola da Tolentino in adorazione della croce datato al 1607 di Giovanni Battista Bracelli sull’altare della Santa Croce.
  • La pesca miracolosa di pittore ignoto sull’altare di san Pietro, edificato a spese dei pescatori e marinai di Santa Margherita Ligure nel XVIII secolo.
  • Madonna del Rosario, pala d’altare di Bernardo Castello e i Misteri del Rosario di Paolo Gerolamo Piola sull’altare del Rosario.
  • Il battesimo di Cristo di Giovanni Battista Casoni posto sull’altare di san Giovanni Battista.
  • Immacolata e tre donatori di Oldino Multedo del XIX secolo nell’altare della Santissima Concezione.
  • Santissima Trinità invocata da san Nicola di Bari alla presenza di Lazzaro e del ricco Epulone del genovese Giovanni Andrea Carlone posto sull’altare della Santissima Trinità.
  • La predica di san Francesco Saverio del XIX secolo di pittore ignoto nell’altare di san Giuseppe.
  • Angelo Custode di Giovanni Andrea De Ferrari nell’omonimo altare.
  • La pietà considerata una copia dell’opera di Luca Cambiaso conservata nella basilica di Santa Maria di Carignano di Genova.

Le sculture:

  • Urna cineraria di Lucio Taiezio Pepso, databile al II secolo, nel vestibolo dell’ingresso a mare.
  • Madonna del Rosario (XVII secolo) e San Giovanni Bono (XX secolo) poste sull’altare del Rosario.
  • La preziosissimo simulacro – manichino – statua medioevale di Nostra Signora situata sul tempietto sorretto da angeli sopra all’altare maggiore.
  • Apostoli Pietro e Paolo, statue in marmo del 1826 di Bartolomeo Carrea conservate nelle nicchie laterali dell’altare maggiore.
  • Santa Margherita d’Antiochia nella nicchia dell’abside, realizzata da Giacomo Antonio Ponsonelli di Carrara.
  • Angelo custode di Anton Maria Maragliano posta nella cappella omonima.
  • San Giovanni Nepomuceno di Anton Maria Maragliano nella cappella omonima.

Offerte speciali e last minute hotel Santa Margherita Ligure

Booking.com

Potrebbe interessarti

Share Tweet +1